22 Novembre 2019

Torta salata con zucca, funghi e castelmagno

Torta salata con zucca, funghi e castelmagno

Vi siete mai sentiti sopraffatti dalle cose e dagli eventi? Io sempre nell’ultimo periodo. Ne parlavo proprio ieri alla mia psicologa (sì, vado dalla psicologa e non me ne vergono) di quante cose io abbia da fare, di quanti pensieri ci siano nella mia testa, di quanta energia spreco per pianificare e incastra tutto al meglio ma alla fine qualcosa rimane sempre, inevitabilmente, fuori.

“Prima il dove e poi il piacere”, è la frase che ci viene ripetuta fin da bambini. Prima fai i compiti poi vai fuori a giocare, prima riordini la cameretta e poi guardi i cartoni animati alla tv e così via, fino a quando un bel giorno diventi grande e questa frase non sono più i genitori a ripeterla ma una vocina nella tua testa.

Un giorno ti svegli e ti accorgi che i devo superano i voglio. Il devo fare prende il sopravvento e vince sul voglio fare. Potrà sembrare una banalità ma se ci fermiamo a pensare quante volte diciamo “devo fare” e non “voglio fare”, ci rendiamo conto che la vita è fatta di cose che sbrighiamo per dovere e da priorità che talvolta ci ingabbiano, perdendo il piacere nel fare.

Mi sono accorta che nel cercare di ottimizzare al meglio il mio tempo e incastrare in un Tetris perfetto le mille cose da fare, c’è sempre qualcosa che rimane fuori. La cosa “meno importante” quella che “può aspettare”: il blog, la cucina, il mio porto sicuro.

“Devo pubblicare due post sul blog questa settimana”. No: “voglio pubblicare due post sul blog questa settimana”; tralasciando gli altri “doveri” perché questa è la mia passione e non vale meno di un lavoro, delle faccende domestiche, dalle mie incombenze da figlia premurosa.

Come fare a riappropriarmi del tempo, dare alla mia passione lo stesso valore delle cose che devo fare e non lasciarla passare in secondo piano solo perché si tratta di una cosa che voglio fare ma agli occhi dei più non appare necessaria, è ancora un mistero. Ma ci sto lavorando!

Mentre ci penso mangio una fetta di questa golosa torta salata con zucca, funghi champignon e castelmagno che, con i sui ingredienti, strizza ancora l’occhio all’autunno ma si veste di stelle, perché il Natale è alle porte.

Torta salata con zucca, funghi e castelmagno

Portata Aperitivo, piatto unico, Portata principale
Cucina Italiana
Keyword aperitivo, autunno, castelmagno, funghi, torta salata, zucca
Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 30 minuti
Portate 8

Ingredienti

  • 2 rotoli pasta sfoglia già pronta
  • 300 gr zucca butternut
  • 100 gr funghi champignon
  • 100 gr castelmagno
  • 1/2 scalogno
  • 2 uova grani
  • qb sale
  • qb pepe
  • qb olio extravergine d'oliva
  • qb noce moscata
  • qb timo fresco

Procedimento

  1. Pulire e tagliare a dadini la zucca e farla rosolare in padella con un filo d'olio e lo scalogno per 10/15 minuti aggiungendo poca acqua quando necessario. Salare e pepare a piacere e, una volta pronta, mettere da parte

  2. Nella stessa padella dove è stata scottata la zucca, saltare velocemente con un filo d'olio i funghi puliti e tagliati grossolanamente. Salare e pepare a piacere e aggiungere qualche rametto di timo fresco, Cuocere per 10 minuti così da mantenere il fungo croccante

  3. In una ciotola sbattere energicamente le uova con un pizzico di sale e una spolverata di noce moscata, unire il castelmagno tagliato a dadini molto piccoli e successivamente anche la zucca e i funghi. Per un sapore più forte è possibile sostituire al castelmagno del roquefort

  4. Ricoprire una teglia tonda con un rotolo di pasta sfoglia, bucherellare il fondo con i rebbi della forchetta e versare nel guscio il composto, ripiegare il bordo della torta verso l'interno

  5. Con il secondo rotolo di pasta sfoglia creare delle simpatiche formine natalizie e decorare la superficie della torta salata aggiungendole solo in un secondo momento a metà cottura

  6. Cuocere in forno ventilato già caldo a 180° per 25/30 minuti circa e servire tiepida

PH Love.Life.Lunch. 2019 tutti i diritti riservati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *