31 Ottobre 2014

Tortelli di zucca


Per chi come me ama il sapore dolce della zucca, non c’è stagione migliore che l’autunno per cimentarsi in nuove (e vecchie) ricette che hanno come ingrediente principe questo delizioso ortaggio arancione.

Oggi, notte di halloween, ho deciso di preparare i classici tortelli ripieni con zucca e amaretti; un must della cucina mantovana.



Ingredienti per 2 persone

per la pasta
200g di farina 00
2 uova
sale

per il ripieno
200g di zucca pulita
50g di grana o parmigiano grattugiato
20g di amaretti
noce moscata
sale
pepe


Tagliare a fette la zucca, ripulirla dei filamenti e dei semi interni e quindi sbucciarla. Disporre la zucca su carta forno e cuocere in forno ventilato a 180° per circa 30-40 minuti. Quando la zucca sarà tenera, toglierla dal forno lasciarla raffreddare e passarla nel mixer. Unire il grana o il parmigiano grattuggiato, una generosa grattata di noce moscata, il sale, il pepe e gli amaretti sbriciolati grossolanamente con le mani. Il ripieno dei nostri ravioli è pronto. Lasciarlo riposare coperto con la pellicola trasparente per almeno un oretta.

Nel frattempo preparare la pasta lavorando la farina con le uova e il sale. Lasciare riposare l’impasto avvolto nella pellicola trasparente per circa 30 minuti.


Stendere una sfoglia sottile e dividerla in due parti uguali. Disporre al centro di una sfoglia delle palline di ripieno distanti qualche centimetro l’una dall’altra; con l’aiuto di un pennellino bagnare i bordi della seconda sfoglia con dell’acqua e adagiarla sopra la prima sfoglia (quella con il ripieno per intenderci) chiudendo per bene i bordi con le mani e facendo attenzione a far uscire l’aria all’interno del tortello.

Con l’aiuto di una rotella tagliare i tortelli in quadrotti della stessa dimensione e mettere a riposare su un canovaccio infarinato fino al momento della cottura.

Il modo migliore per esaltare il sapore dei tortelli di zucca è condirli con burro fuso e salvia. Una volta cotti i tortelli in abbondante acqua salata scolarli delicatamente con l’aiuto di una schiumarola. Servirli caldi versandoci sopra il burro fuso e una spolverizzata di grana.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *